Formazione ECM, cosa rischia veramente chi evade l’obbligo

Formazione ECM, cosa rischia veramente chi evade l’obbligo

ecmSaranno sempre di più le conseguenze cui andranno incontro quei medici e quei professionisti sanitari (per fortuna la minoranza) che risulteranno non in regola con i crediti ECM. Al contempo, però, si pensa ad incentivi e premi per coloro che rispettano l’obbligo formativo. Queste le novità all’orizzonte per il settore della formazione ECM annunciate ai nostri microfoni dal direttore generale dell’Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali) Domenico Mantoan.

Formazione ECM, le sanzioni per chi non si aggiorna

Oltre alle sanzioni già previste dalla legge, ovvero un illecito disciplinare adottato dall’Ordine di appartenenza che può andare dall’avvertimento alla sospensione, si punterà ad un rafforzamento del legame tra polizze assicurative e formazione.

La qualità dei corsi ECM

Formazione, tuttavia, che deve rispettare determinati criteri di qualità e offrire un valore aggiunto al professionista. La mera “raccolta dei punti” e la ricerca spasmodica di corsi che in poco tempo consentono di accumulare un numero considerevole di crediti, infatti, contraddicono il senso stesso del programma di formazione ECM. E in questo l’Agenas, che ha il compito di accreditare i corsi e di controllare i provider, ha un ruolo fondamentale: «Insieme alla Commissione nazionale ECM stiamo valutando come selezionare e valorizzare i corsi che offrono dei valori formativi aggiuntivi. Questa è una delle attività fondamentali più importanti su cui si sta concentrando l’Agenas. Oggi un corso, per essere di qualità, deve assicurare un valore aggiunto al discente e deve essere tenuto da formatori di qualità. Sono queste le due caratteristiche che secondo me vanno valutate», spiega Mantoan.

Ma c’è un altro aspetto, a detta di Mantoan, figlio della pandemia: la scoperta dell’utilità della formazione a distanza, «una delle cose positive che ha portato il Covid», in quanto si è dimostrata «efficace e veloce, consentendo ad un numero importante di persone di partecipare ad uno stesso evento formativo senza doversi spostare, e senza quindi togliere tempo al lavoro o alla famiglia».