RISCHIO CADUTE

RISCHIO CADUTE

L’evenienza della caduta del paziente viene considerata come uno degli aspetti critici dell’assistenza sanitaria. Pertanto, il loro monitoraggio ha lo scopo principale di individuare i fattori di rischio più frequenti e di fornire agli operatori sanitari sia uno strumento per l’individuazione dei pazienti a rischio  , sia una serie di indicazioni da adottare per prevenirle.
Il monitoraggio e la prevenzione delle cadute in ospedale si inseriscono in un contesto di gestione del rischio clinico

Le cadute infatti costituiscono un evento avverso e rappresentano la causa di importanti complicanze nel corso della degenza, nonché la causa di invalidità temporanea e permanente della persona.

Va ricordato inoltre che a seguito di cadute l’assistito può incorrere in: traumi cranici, danni cerebrali, lesioni degli organi interni, lesioni dei tessuti molli, fratture, altre importanti sequele.

Oltre ai danni fisici, se nella caduta incorre una persona anziana, può svilupparsi un forte senso di insicurezza che potrebbe indurre l’anziano alla limitazione della propria attività fisica, con conseguente compromissione della propria autonomia e la qualità di vita.

Nel corso degli anni, a seguito dell’analisi e della valutazione dei dati ricavati, sono state intraprese una serie di azioni correttive, che periodicamente hanno subito delle revisioni:

  • valutazione del grado di indipendenza del paziente attraverso la somministrazione del Barthel index al momento dell’ingresso in ospedale;
  • valutazione del grado di rischio di caduta attraverso la somministrazione della Scala Conley al momento dell’ingresso in ospedale;
  • durante il periodo di degenza rivalutazione del rischio di caduta ogniqualvolta le condizioni cliniche del paziente si modificano;
  • durante la degenza utilizzo e quindi applicazione della procedura aziendale per la gestione dei pazienti con rischio di caduta;
  • durante la degenza consegna al paziente e/o ai familiari di un opuscolo informativo;
  • durante la degenza, in caso di caduta, compilazione di una scheda di segnalazione che riporta una serie di informazioni utili per l’osservazione epidemiologica del fenomeno.

Gli strumenti messi a disposizione dei professionisti al fine di monitorare l’attività e per instaurare un percorso efficace di educazione terapeutica sono:

  • strumento relativo ai segni e sintomi prodromici di comportamento violento;
  • scala Conley di valutazione del rischio di caduta del paziente;
  • Barthel index per valutare il grado di indipendenza del paziente;
  • scheda di descrizione della caduta del paziente;
  • modulo di prescrizione della contenzione;
  • opuscolo da consegnare a paziente e famigliari relativo a “Informazioni sulle cadute per pazienti e familiari. Promuovere autonomia, partecipazione e dignità”.

Per restare aggiornati mettere mi piace alla seguente pagina :

https://www.facebook.com/nurseallface/