DISTRETTO SANITARIO

DISTRETTO SANITARIO

 

Il Distretto Socio Sanitario è un’articolazione territoriale dell’Azienda i l cui compito è  assicurare alla popolazione residente la disponibilità e l’accesso ai servizi e all’ esercizio di tipo sanitario, socio-sanitario e sociale secondo criteri di equità, accessibilità e appropriatezza.   Il Distretto Socio Sanitario è la struttura tecnico-funzionale grazie alla quale si assicura nel proprio ambito territoriale l‘attribuzione dell’assistenza primaria attraverso un elevato livello di integrazione tra i diversi servizi che emanano le prestazioni sanitarie, socio-sanitarie e sociali in modo da garantire una risposta coordinata e continuativa ai bisogni della popolazione.

Il Distretto è centro di riferimento per l’accesso a tutti i servizi dell‘ ASL, centro unificante di tutti i servizi sanitari, socio-sanitari e socio-assistenziali territoriali, sede di gestione e coordinamento operativo e organizzativo dei servizi del  territorio.

Il Distretto Socio Sanitario è articolazione organizzativo-funzionale:

  • che si figura in un centro di servizi e prestazioni dove la domanda di salute della popolazione è garantita in modo unitario e globale;
  • nella quale sono utilizzabili tutti i percorsi di accesso del cittadino ai servizi sanitari, socio-sanitari e socio-assistenziali gestiti;
  • che meglio consente di governare i processi operativi integrati tra servizi anche di diverse istituzioni, utilizzando globalmente le risorse provenienti da diverse fonti (SSN, Comuni, solidarietà sociale) e affidate dalla Direzione Aziendale.

Il Distretto Socio Sanitario esplica, attraverso le Unità Operative proprie, la funzione di produzione delle prestazioni e dei servizi di primo livello, garantita attraverso le caratteristiche definite dal Programma delle Attività Territoriali (PAT). In particolare, il Distretto Socio Sanitario permette l’assolvimento delle seguenti macrofunzioni principali :

  • accoglimento, analisi, valutazione e orientamento della domanda ed organizzazione della risposta;
  • concorso all’attività di pianificazione e di programmazione aziendale mediante l’analisi e la valutazione dei bisogni di salute;
  • gestione diretta dei servizi e azioni che rientrano nel “livello di assistenza distrettuale”, servendosi di operatori e di Unità Operative proprie, oppure attraverso rapporti convenzionali con operatori e organizzazioni interne o esterne all’Azienda;
  • governo dei consumi di prestazioni “indirette” – farmaceutiche, specialistiche ambulatoriali e ospedaliere mediante l’attività di orientamento del cittadino e, soprattutto, l’integrazione nell’organizzazione distrettuale dei Medici di Medicina Generale e dei Pediatri di Libera Scelta ;
  • realizzazione dell’integrazione socio-sanitaria a livello gestionale e operativo, e per quanto di competenza, istituzionale;
  • definizione, per gruppi specifici di popolazione, di percorsi di assistenza basati sul principio della continuità e del coordinamento degli interventi, dando importanza alla multidisciplinarietà tra i ruoli professionali e le strutture di produzione.

Fanno parte del livello di assistenza distrettuale tutte le attività sanitarie che non fanno parte della sfera di competenza del Dipartimento di Prevenzione e dell’Ospedale, tutte le attività sanitarie a rilevanza sociale e tutte le attività socio-sanitarie ad elevata integrazione sanitaria, nonché le attività sociali a rilevanza sanitaria la cui gestione è delegata alle Unità Locali Socio Sanitarie

  • Sinteticamente, rientrano nel livello di assistenza distrettuale, le seguenti attività assistenziali:
  • Assistenza primaria: MMG, PLS, Continuità Assistenziale (ex Guardia Medica);
  • Assistenza farmaceutica e assistenza integrativa;
  • Assistenza specialistica extraospedaliera;
  • Assistenza protesica;
  • Assistenza consultoriale;
  • Assistenza domiciliare integrata;
  • Assistenza territoriale, semiresidenziale e residenziale per tossicodipendenti, per disabili/handicappati, per anziani ed altri non autosufficienti, per malati psichiatrici, per malati in fase terminale (hospice territoriale), per malati affetti da patologie HIV correlate;
  • Assistenza idrotermale.
  • Oltre alle attività di assistenza sopra menzionate, il Distretto Socio Sanitario svolge anche:
  • Attività amministrative rivolte al proprio interno e ad altri servizi centralizzati dell’ULSS;
  • Attività amministrative rivolte all’utenza quali: rilascio di tessere sanitarie, rilascio attestati di esenzione, prenotazione delle prestazioni specialistiche, ecc…
  • Attività di coordinamento e di raccordo con le altre strutture aziendali (Ospedale e Dipartimento di Prevenzione). Al Distretto fanno capo , le funzioni proprie dell’UOS Relazioni con il Pubblico e Informazione, con maggiore attenzione all’informazione tempestiva e corretta e al trattamento dei reclami, potendo per questo avvalersi della collaborazione di tutte le componenti dell’Azienda.

Per restare aggiornati mettere mi piace alla seguente pagina :

https://www.facebook.com/nurseallface/